ilsicilia skin test

Aci Trezza, conclusa con successo la “Sagra del pesce spada”

Si è chiuso il sipario domenica, nel borgo marinaro di Aci Trezza, sulla tre giorni dedicata alla “Sagra del pesce spada”. E’ stata la prima edizione totalmente “plastic free” in Sicilia, in quanto sono stati utilizzati piatti, stoviglie, cannucce e bicchieri realizzati in materiale biodegradabile compostabile, in piena condivisione con l’ordinanza voluta dalla precedente amministrazione comunale. Una scelta convinta e consapevole, dopo quella di alcuni anni addietro legata all’avvio della raccolta differenziata ed all’istituzione di un’apposita isola ecologica, per aiutare l’ambiente e sensibilizzare le migliaia di visitatori intervenuti a rendere ancor più incisiva la diminuzione del consumo della plastica. Anche questo è stato il successo raggiunto dalla Sagra di giugno, che ha visto sfornare dalle quattro grandi griglie più di 1600 kg di pesce spada, che sono state servite con 200 kg di insalata mista a km zero, accompagnate con almeno 5 mila panini di semola ed innaffiate da circa 600 litri di vino bianco doc dell’Etna e altrettanti di bibita fresca. Numeri che consolidano una festa attesa nell’hinterland catanese e non solo, visto che sono state registrate presenze da ogni parte della Sicilia e dal resto d’Italia, con rappresentanze anche straniere. Come sempre il ricavato è andato in parte per contribuire alla realizzazione della festa solenne in onore del patrono San Giovanni Battista e per l’altra parte per opere di beneficenza o assistenza alle esigenze della parrocchia. Intanto gli organizzatori, ovvero le Commissioni festeggiamenti San Giovanni Battista e Madonna della Buona Nuova, la Confraternita San Giovanni Battista e l’associazione culturale “U pisci a mari”, con il patrocinio del Comune di Aci Castello, sono già proiettati al “bis” della Sagra che si terrà il 12, 13 e 14 di luglio per continuare ancora una volta a deliziare i palati con il gustoso pesce spada di Aci Trezza ed offrire il meglio dell’artigianato e dei prodotti tipici locali insieme all’associazione culturale “Nuovi eventi”.

Potrebbero interessarti anche...