Al via il progetto per la mobilità sostenibile al porto di Augusta

Porti della Sicilia Orientale verso una vera e propria rivoluzione ambientale. L’AdSP del Mare di Sicilia Orientale punta sulla mobilità sostenibile e sull’efficienza energetica in ambito portuale.

Nell’ottica dello sviluppo di azioni volte alla creazione di misure per la tutela ambientale e lo sviluppo sostenibile, nonché nel rispetto delle direttive Europee ed internazionali (IMO), l’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale, ha indetto un avviso pubblico, per l’individuazione della migliore idea progettuale per la costruzione di un deposito costiero onshore o galleggiante di Gas Naturale Liquefatto (GNL) all’interno del Porto di Augusta, Porto Core della rete Ten-T. A seguito della citata evidenza pubblica è stata acquisita la manifestazione di interesse della Restart Consulting Srl.

L’area oggetto del progetto proposto è inserita all’interno del porto di Augusta (SR), presso il Pontile Consortile. Il progetto contempla diverse modalità di rifornimento di Gas Naturale Liquefatto, quello destinato: principalmente ai i mezzi di trasporto navali ed ai mezzi di trasporto terrestri. È noto, infatti, che l’industria navale ha orientato da tempo l’interesse a questa fonte di propulsione ed a tal fine, per un Porto industriale quale quello di Augusta, offrire stazioni di rifornimento, nell’arco temporale di 18 mesi, costituisce un’occasione imperdibile per lo sviluppo economico diretto ed indiretto della Sicilia Orientale e del Paese.

Successivamente, il progetto potrà prevedere, nelle aree del retroporto, la realizzazione della catena del freddo da porre a disposizione degli operatori locali e la produzione di energia elettrica, per l’ulteriore elettrificazione delle banchine.

Siamo molto orgogliosi della realizzazione di questo progetto in tempi brevi” afferma Andrea Annunziata, Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Orientale, “Saranno investiti circa 50 milioni di euro per la creazione di un deposito costiero di GNL che, oltre a risolvere molti problemi di natura ambientale, avrà anche una notevole ricaduta occupazionale, dato che offrirà opportunità di lavoro a 50 unità che opereranno direttamente e ad altre 250 che lavoreranno nell’indotto. Stiamo operando una vera e propria rivoluzione ambientale. Sicurezza e ambiente sono due elementi fondamentali per il recupero della centralità logistica dei nostri Porti nel Mediterraneo e un ulteriore asso nella manica per un’isola come la Sicilia, naturalmente votata al turismo, che grazie allo sviluppo di un vero e proprio modello di gestione integrata, uso del GNL e rifornimento di energia da fonti rinnovabili, potrà diventare un polo di convergenza delle rotte che attraversano il corridoio Scandinavo-Mediterraneo”.

Già da tempo” prosegue l’Avv. Annunziata, “ci siamo attivati per diventare Green Ports. Solo per citare un esempio, abbiamo partecipato al Gainn4Core, una costola del progetto Gainn.It che si propone di concepire ed implementare, nel periodo 2017-2030, la rete infrastrutturale italiana per l’impiego di carburanti alternativi per i trasporti terrestri, garantendo la continuità della catena transnazionale di distribuzione dei carburanti alternativi”.

Sempre in ambito di sostenibilità ambientale l’AdSP del Mare di Sicilia Orientale ha completato, con anticipo rispetto alla data di scadenza dei lavori, la redazione del documento di Pianificazione Energetica e Ambientale (DEASP).

Il Progetto” dichiara il Presidente Annunziata, “redatto con il fondamentale contributo del Prof. Rosario Lanzafame del Dipartimento di Ingegneria – DICAR – dell’Università di Catania e della sua equipe, insieme all’Ufficio Ambiente del nostro Ente, definisce gli obiettivi di sostenibilità energetico-ambientale da conseguire nei Porti di Augusta e Catania e le strategie e gli interventi di riqualificazione per perseguirli, prevedendo una serie di azioni mirate a ridurre l’impiego di energie da fonti fossili, privilegiando le tecnologie a minor impatto ambientale e favorendo l’utilizzo di fonti rinnovabili, con l’obiettivo di migliorare la competitività dei due Porti e renderli più sostenibili e meno impattanti da un punto di vista della salvaguardia dell’ambiente. Il DEASP vuole essere, inoltre, uno strumento di raccordo fra le attività svolte dagli utenti portuali e le iniziative dell’AdSP del Mare di Sicilia Orientale nella nostra rotta di avvicinamento al concetto di Green Ports”.

Nonostante il periodo di pandemia che sta impattando pesantemente sull’economia dei Porti” conclude Andrea Annunziata “da noi si continua a lavorare, sempre ed ancor più di prima, con grande entusiasmo e positività per contrastare gli effetti negativi di questo periodo e mettere in atto idee e progetti che apportino nuova linfa vitale ai Porti di questa Autorità di Sistema e a tutto il territorio della Sicilia Orientale”.

© Riproduzione Riservata
la rosa sul mare

Potrebbero interessarti anche...