Alessandra De Caro illustra “Mare Fest. Vietato non toccare” I VIDEO

Guarda la video intervista in alto 

Alessandra De Caro dirigente della Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana illustra “Mare Fest. Vietato non toccare”, evento in corso all’Arsenale della Marina Regia di Palermo. La Festa del Mare per bambini vedenti, ipovedenti e non vedenti, intitolata alla memoria di Sebastiano Tusa.

“Mare fest. Vietato non toccare” è un progetto pluridisciplinare, di integrazione sociale e scolastica, di inclusione sociale inversa, di cultura del mare, di diritto alla lettura e all’accessibilità ai beni museali, ideato e progettato dall’architetto Anna Russolillo che lo ha anche coordinato insieme al tiflologo Nando Sutera, all’architetto Alessandra De Caro e alla divulgatrice scientifica Licia Corsale. Il progetto è stato condiviso e arricchito dalla Soprintendente del Mare Valeria Patrizia Li Vigni. I protagonisti sono i bambini dell’Istituto Comprensivo Leonardo Sciascia nel quartiere Zen, guidati dalla dirigente scolastica Stefania Cocuzza, ed i bambini utenti dell’Istituto Ciechi “Florio e Salamone” di Palermo.

La rassegna ha come finalità la realizzazione di un libro tattile ecologico plastic free con anche materiali di riuso “Sebastiano Tusa. Le radici profonde nel mare”, che ogni bambino comporrà e per la cui realizzazione sono previsti attività culturali e laboratori che saranno effettuati da professionisti ed artisti, tiflologi, biologi marini, pescatori, subacquei, archeologi subacquei, architetti, scrittori, attori.

Fiore all’occhiello della rassegna è il laboratorio artistico sensoriale per la costruzione di un libro tattile ecologico, cioè senza plastica e con anche materiali di riciclo e di riuso e sarà curato dall’artista Monica Saladino, in collaborazione con l’artista Maria Badalamenti, il tiflologo Nando Sutera, la tiflologa Maria Concetta Cusimano, l’architetto Alessandra De Caro e l’architetto Anna Russolillo.

I bambini si sono trovati tra mute, erogatori, gav, reperti archeologici marini, per il laboratorio sulle attività subacquee, curato dall’istruttore diving “La Perla Nera” Roberto Fedele con il subacqueo Giuseppe Ferrante e hanno conosciuto e toccato i rostri, le anfore, le ancore con il laboratorio di archeologia subacquea.

Al Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea (Palazzo Riso) i bambini incontreranno gli artisti dell’Archivio S.A.C.S. del Museo Riso Maurilio Catalano, Giovanni Lo Verso, Domenico Pellegrino, Giacomo Rizzo e avranno la possibilità di toccare le loro opere d’arte e di parlare con loro. Il tocco delle opere d’arte sarà un’occasione per attivare e trasmettere emozioni, e tutti i bambini ne faranno tesoro anche per la realizzazione del Libro Tattile dedicato al mare e alle ricerche del compianto assessore Tusa.

L’evento è organizzato nell’ambito della quinta edizione del “Villaggio Letterario”, si chiuderà con la cerimonia finale, con la consegna delle coppe di partecipazione per tutti i bambini e l’inaugurazione, il 28 settembre, alle 11, al Museo Regionale d’Arte Moderna e Contemporanea, della mostra “Sebastiano Tusa. Le Radici profonde nel Mare”, con esposizione dei libri tattili ecologici e delle opere degli artisti del Museo Riso. La mostra resterà aperta al pubblico fino al 10 ottobre 2019 per poi trasferirsi all’Arsenale della Marina Regia e nel 2020 viaggerà a Napoli per la seconda edizione di Mare Fest.

 

 

banner telegram

Potrebbero interessarti anche...