Home / Archivio per Categoria “Archeologia subacquea”

Archivi

Egadi, recuperati altri due rostri della prima guerra punica

Recuperati altri due rostri dai fondali delle Egadi. I preziosi reperti sono stati ritrovati grazie alla sinergia operativa tra la Soprintendenza del mare della Regione Siciliana, la Rpm nautical foundation e i subacquei della Global underwater explorer. Nel corso delle ricerche, anche quest’anno condotte con la nave oceanografica Hercules, sono stati scoperti ulteriori target che vanno ad arricchire il ricco database costruito negli ultimi anni. Nelle tre settimane di indagini, sono state individuate sessantotto anfore greco-italiche, due Dressel, quattro puniche e quattro piatti. I due rostri in bronzo, portano a diciotto il numero di quelli recuperati dei diciannove individuati in questi anni. I micidiali strumenti da guerra, montati sulla prua delle navi per speronare le imbarcazioni nemiche, rappresentano la prova evidente che i fondali di…

Agrigento, nuovo rinvenimento dei subacquei di BCsicilia: trovate altre ancore litiche e lingotti plumbei

Rinvenute altre ancore litiche e lingotti plumbei di chiaro interesse archeologico sono state localizzate e posizionate con gps da Francesco Urso del Gruppo subacqueo di BCsicilia. L’area del rinvenimento è la stessa in cui lo scorso mese di giugno era stata rinvenuta un’altra ancora litica. Complessivamente allo stato attuale sono state rinvenute cinque ancore litiche e due lingotti plumbei. Il rinvenimento assume particolare importanza in quanto il numero elevato di rinvenuti in un’area così ristretta induce a pensare che siamo in presenza di un vero e proprio approdo. Del ritrovamento è stata avvertita la Soprintendenza del Mare, che intuita l’importanza della scoperta ha previsto un sopralluogo per domani con proprio personale in stretta collaborazione con i sub di BCsicilia.

Agrigento, volontari del Gruppo subacqueo di BCsicilia rinvengono un’ancora litica nelle acque di San Leone

Volontari del gruppo subacqueo di BCsicilia hanno rinvenuto nelle acque di San Leone, ad Agrigento, un reperto di particolare interesse archeologico. Si tratta di un’ancora litica di forma ovoidale con un foro distale, di dimensioni di 55×70 cm, risalente probabilmente al VI secolo a.C. La scoperta si deve ad un componente del gruppo subacqueo di BCsicilia, Francesco Urso, ed è avvenuta durante una escursione subacquea. Come da protocollo, il reperto è stato documentato e ne è stata rilevata la posizione, ma lasciato nella sua  sede originaria. E’ stata immediatamente avvertita la Soprintendenza del Mare per le opportune verifiche e decidere se recuperare o lasciare in situ il reperto. BCsicilia metterà a disposizione dell’Amministrazione, se richiesto, i propri subacquei sia per l’individuazione del reperto sia per l’eventuale…

L’archeologia subacquea siciliana protagonista a Napoli

Il Parco archeologico dei Campi Flegrei a Napoli ospita dal 24 maggio fino a dicembre la mostra “I pionieri dell’archeologia subacquea nell’area Flegrea ed in Sicilia” all’interno delle sale del Castello di Baia. Alla presenza del dirigente generale Sergio Alessandro e del direttore del Museo archeologico di Napoli Paolo Giulierini, la mostra è stata inaugurata in una mattinata densa di emozione per i tanti ricordi del compianto Sebastiano Tusa cui la mostra è dedicata. Una dedica fortemente voluta per chi ha impegnato la propria vita per l’archeologia e le ricerche subacquee, anche in terra campana. L’esposizione, con allestimento e curatela realizzati da Teichosarcheologia di Napoli, racconta la stagione di nascita dell’archeologia subacquea in Italia fin dagli anni ’50, quelli delle prime fasi pionieristiche, contrassegnate dalle…

Archeologia, inaugurazione del nuovo allestimento espositivo della nave di Marausa

Grande emozione questa mattina al Museo archeologico Lilibeo di Marsala per l’inaugurazione dell’allestimento espositivo della Nave romana di Marausa. Oltre al grandissimo valore culturale dell’evento, infatti, si tratta di uno dei più importanti progetti culturali a cui ha lavorato l’assessore regionale ai Beni culturali Sebastiano Tusa, scomparso tragicamente lo scorso 10 marzo. A tagliare il nastro è stato il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci, insieme alla moglie di Tusa Valeria Li Vigni e al vescovo di Mazara del Vallo Domenico Mogavero. “Si realizza oggi – ha sottolineato il governatore Musumeci – uno dei tanti sogni di Sebastiano Tusa. Un progetto da lui fortemente voluto e per il quale ha messo in campo le sue energie e la sua passione. La fatalità ha voluto che…

Marsala, domani si inaugura l’esposizione della nave romana di Marausa

Vede la luce uno dei più importanti progetti culturali al quale ha lavorato l’assessore regionale ai Beni Culturali Sebastiano Tusa, a circa un mese dalla tragica scomparsa dell’archeologo. Sarà inaugurato infatti sabato alle 10,30 presso il Museo archeologico Lilibeo di Marsala, l’allestimento espositivo della Nave romana di Marausa. A tagliare il nastro sarà il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. L’evento rappresenta un momento di straordinaria importanza nel panorama culturale mediterraneo grazie alla valenza storico-archeologica del relitto della nave oneraria romana, rinvenuta nel 1999 nei fondali di Marausa. Il sito, posto tra Trapani e Marsala alla foce del fiume Birgi, costituiva nell’antichità un approdo strategico come dimostra il carico di bordo rinvenuto. “Il relitto di Marausa – come spiegò il professor Sebastiano Tusa – contribuisce…

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.