Home / Archivio per Categoria “Blue Economy”

Archivi

Alla Farnesina Carlino illustra le attività svolte dal Distretto della Pesca

Il presidente del Distretto della Pesca e Crescita Blu, Nino Carlino, ha incontrato nei giorni scorsi, a Roma, presso la Farnesina, il Sottosegretario agli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Manlio Di Stefano. Nel corso del cordiale e proficuo incontro, il presidente Carlino ha illustrato al Sottosegretario le principali attività svolte Distretto della pesca siciliano ed in particolare quelle rivolte alla promozione e valorizzazione delle aziende  associate, all’innovazione tecnologica e alla sostenibilità del sistema pesca siciliano secondo i principi della blue economy.  Infine lo stesso Sottosegretario Di Stefano si è mostrato piacevolmente interessato alla manifestazione Blue Sea Land-Expo dei Cluster del Mediterraneo, Africa e Medioriente, organizzata dal Distretto in collaborazione con la Regione Siciliana e che vede fra i principali partner il MAECI, la cui ottava…

“SeaGlasses”, occhiali da sole per salvare il mare: la plastica da rifiuto diventa risorsa

Si chiama “SeaGlasses”, il progetto di economia circolare che prevede il recupero della plastica dal mare e la sua trasformazione in occhiali da sole attraverso la stampa 3D. Si tratta di un progetto concepito da Leonardo D’Imporzano, giornalista, divulgatore scientifico free-lance e “Tridente d’Oro”, in qualità di fondatore di 5 Terre Academy, per ridare nuova vita a materiale proveniente da reti e attrezzi da pesca persi o abbandonati e rifiuti plastici recuperati in mare. Ogni occhiale avrà il suo certificato di origine che permetterà di sapere quale sia la zona di provenienza della plastica, la quantità utilizzata e il numero progressivo di lavorazione. Il progetto prevede il recupero dei rifiuti dal mare e la divisione esclusivamente per colore, la triturazione in “pellet” e la trasformazione…

A Lipari un laboratorio di prodotti biotecnologici dagli scarti di pesce

Trasformare i rifiuti in ricchezza rispettando l’ambiente dove dagli scarti dei pesci del  Mediterraneo quali tonno, molluschi, crostacei e pesce azzurro, si ricaveranno sostanze da impiegare in campo medico, farmaceutico e cosmetico. Sono le linee guida del progetto “Bythos” finanziato con 2.250.000 euro nell’ambito del programma INTERREG V-A Italia-Malta 2014-2020 che vede come partner le università di Palermo (capofila del progetto) e Malta Distretto Pescaturismo e Cultura del Mare, al Ministero per lo Sviluppo Sostenibile, per l’Ambiente e i Cambiamenti Climatici, Dipartimento della Pesca e dell’Acquacoltura di Malta e l’AquaBioTechPMI maltese dell’acquacoltura. Attraverso la creazione di un laboratorio congiunto nelle due aree di cooperazione, il progetto Bythos mira a sviluppare nuovi prodotti biotecnologici ottenuti da molecole bioattive (incluso il collagene e gli omega 3 e 6)…

Il tonno, parte integrante della dieta mediterranea

tonno

Il tonno è parte integrante della dieta mediterranea, oltre ad essere un alimento molto nutriente e una risorsa importante per il benessere dell’organismo. Sono oltre 80 gli Stati che praticano la pesca al tonno e la sua portata continua a crescere esponenzialmente negli oceani Indiano e Pacifico. Il primo prodotto a guidare la produzione è il tonno in scatola (l’Italia si pone al secondo posto dopo la Spagna), un mercato che solo nel Belpaese  ha un valore di 1,3 miliardi (2017), con una produzione nazionale di 75.800 tonnellate e un consumo di 155.000 tonnellate (+3% rispetto al 2016) pari a circa 2,5 chili pro capite. Le varie parti del tonno (ventresca, filetti, bottarga, mosciame, lattume, cuore, buzzonaglia) vengono utilizzate per la preparazione di piatti che…

Mediterraneo, in Italia pesca vale 754 milioni di euro, da porti 2,6% Pil

pesce

L’Italia è il secondo maggior produttore di pesca nel Mediterraneo e Mar Nero, con volumi di poco inferiori alle 250mila tonnellate (il 15% del totale) e un valore di 754 milioni di euro (il 29% del totale), mentre per i porti del Mediterraneo transita un quinto dei trasporti marittimi mondiali e il 25-30% dei traffici petroliferi, e il solo sistema portuale italiano contribuisce al 2,6% del Pil nazionale con 11mila imprese e 93mila addetti, pur essendo negli ultimi 10 anni sceso dal primo al terzo posto in Europa per import-export. Sono alcuni dei dati che emergono dal Libro bianco italiano Bluemed, presentato stamani al Cnr nel corso del convegno “L’Italia della ricerca per la crescita blu nel Mediterraneo”.L’Europa detiene il 6% della cantieristica navale e…

Il Mediterraneo torna al centro delle rotte mondiali: crescono i porti italiani

L’ampliamento del Canale di Suez, il crescente ruolo della Cina e l’evoluzione dell’industria navale: questi i tre fattori che hanno rimesso il Mediterraneo al centro delle rotte mondiali. È quanto emerge da un rapporto Intesa Sanpaolo e Srm-Centro studi sul Mezzogiorno presentato a Bruxelles. Il canale di Suez – sottolinea lo studio – ha registrato crescite record, chiudendo il 2017 con 909 milioni di tonnellate transitate e oltre 17 mila navi, con un aumento dell’11% sul 2016. Determinante anche la tendenza a realizzare navi di dimensioni sempre più grandi, che per essere convenienti dal punto di vista economico necessitano di rotte – come quella del Mediterraneo – con diversi punti dove poter scaricare e caricare le merci. Essenziale infine il ruolo della Cina e della…

“Blue economy”, trend in continua crescita: + 2,5% rispetto a 2016 e 880mila addetti

La “Blue Economy” in Italia si caratterizza per un trend sempre in continua crescita: +2.5% rispetto al 2016 e +10,5% rispetto al 2011. Le imprese presenti nei Registri delle Camere di Commercio al 31 dicembre 2017 sono 194.516 (3,2% del totale tra costa ed entroterra) con una forza lavoro di circa 880 mila addetti. Il turismo marino esprime quasi due terzi della “blue economy”, con 115 mila imprese, tra ricettività, ristorazione e attività sportivo- ricreative, seguono la filiera ittica, con quasi 34 mila imprese, pari al 17,3% del totale, e la cantieristica con 27 mila imprese, pari al 13,9% del totale. A rivelarlo sono i dati contenuti nel VII Rapporto Nazionale sull’Economia del mare. La Liguria si conferma la regione in cui l’economia del mare ha…

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.