Home / Archivio per Categoria “Pesca” (Page 2)

Archivi

Nuove limitazioni per la pesca in Sicilia. Marinerie siciliane al collasso. Bandiera: “Situazione insostenibile”

Dopo la recente vicenda delle quote tonno, un altro danno provocato alle marinerie siciliane. Un regolamento del precedente Parlamento europeo e del Consiglio, entrato in vigore dal 10 luglio, ha proibito le attività di pesca con reti a strascico in tre zone del Canale di Sicilia e ha individuato un’area tampone, intorno a ciascuna delle predette zone di restrizione, in cui le attività di pesca sono riservate alle imbarcazioni in possesso di un sistema di monitoraggio a distanza dei pescherecci (VMS) ovvero altro sistema di geo localizzazione equivalente. A renderlo noto è l’Assessore regionale per la Pesca Mediterranea, Edy Bandiera: “Si continua a perpetrare una politica di rigida restrizione delle attività di pesca nel Canale di Sicilia, mettendo in fortissima difficoltà la  sopravvivenza economica delle…

Eumofoa: l’Unione europea si conferma uno dei principali mercati mondiali di prodotti ittici

pesce

Secondo l’Osservatorio europeo del mercato dei prodotti della pesca e dell’acquacoltura (Eumofoa), l’UE è uno dei principali mercati mondiali di prodotti ittici: nel 2016 il suo consumo apparente ammontava a 12,41 milioni di tonnellate, pari a circa 24 kg/pro capite. Il consumo, tuttavia, varia notevolmente all’interno dell’UE, passando da 57,0 kg/pro capite in Portogallo a 5,2 kg/pro capite in Ungheria. La spesa domestica annua dell’UE per l’acquisto di prodotti ittici supera i 100 euro pro capite, una cifra pari ad un quarto dell’importo speso per la carne. I prodotti più consumati sono il tonno (per lo più in scatola), il merluzzo nordico, il salmone, il pollack d’Alaska, i gamberi, le cozze e l’aringa. L’UE fa fronte alla domanda interna di prodotti ittici principalmente con le…

Fish dependence day: dal 9 luglio l’Ue dipende dal pesce importato

pesce

Scorte di pesce esaurite in Europa esaurirà per il resto del 2019. Lo ricorda in una nota il Wwf, che ha identificato il 9 luglio come il “Fish Dependence Day”, data che identifica simbolicamente la fine per l’Europa di pesce, molluschi e crostacei da approvvigionamento interno e l’inizio delle importazioni e della dipendenza dal pesce estero, fino a fine anno. L’organizzazione coglie l’occasione per tornare a lanciare l’allarme sul ‘drammatico stato in cui versano gli oceani e il Mediterraneo in cui ad oggi, l’88% degli stock ittici monitorati risulta sovrasfruttato”. Per incoraggiare i consumatori ad adottare comportamenti responsabili, il Wwf ha messo online il banco del pesce interattivo, strumento grazie al quale si può verificare la sostenibilità delle proprie scelte di acquisto.

Gli italiani consumano 28,9 kg di pesce l’anno, più della media Ue

Sulle nostre tavole c’è più pesce di quanto se ne possa pescare nei nostri mari e oltre metà della domanda europea è ‘soddisfatta’ dal resto degli oceani, soprattutto dai Paesi in via di sviluppo che forniscono la metà del pescato presente nel piatto dei consumatori: solo in Italia, in poco più di tre mesi, abbiamo consumato l’equivalente dell’intera produzione ittica annuale nazionale”. Così in un post su Facebook il deputato del MoVimento 5 Stelle, Filippo Gallinella, presidente della commissione Agricoltura alla Camera. Rispetto ai consumi pro capite, precisa ancora Gallinella, il nostro Paese è all’ottavo posto in Europa: gli italiani consumano in media 28,9 kg l’anno preceduti da Portogallo (55,3 kg), Spagna (46,2 kg), Lituania (44,7 kg), Francia (34,4 kg), Svezia(33,2 kg), Lussemburgo (33,1 kg)…

Quote tonnare fisse. Governo Musumeci ricorre contro decreto emesso dal Ministero

Su proposta dell’assessore per l’Agricoltura e per la Pesca mediterranea, Edy Bandiera, il Governo Musumeci, a tutela del settore della pesca siciliano e della storica  tonnara fissa di Favignana, ricorrerà, attraverso l’Ufficio Legislativo e Legale della Regione Siciliana, avverso i decreti di ripartizione delle quote di tonno rosso in Sicilia, recentemente emessi dal Ministero delle Politiche Agricole,  che di fatto hanno portato alla immediata chiusura della tonnara di Favignana. Lo rende noto l’assessore per la Pesca mediterranea, Edy Bandiera, al termine  della Giunta di Governo, tenutasi nella tarda serata di ieri. “L’assegnazione delle quote di pesca, pari ad appena 14 tonnellate e al massimo bastevoli per una barchetta con due pescatori, non sono certamente compatibili con un progetto serio, come quello della riapertura della tonnara di…

Interazione tra cetacei e pesca artigianale: al via il progetto di ricerca pilota a Catania

Le marinerie di tutto il mondo, così come la comunità scientifica, concordano col ritenere i delfinidi i maggiori competitori naturali del pescatore artigianale. Sebbene l’interazione pesca-cetacei costituisca un fenomeno antico, i pescatori del Mediterraneo lo percepiscono come una problematica in costante aumento, soprattutto per la pesca costiera artigianale. Tale millenaria competizione è principalmente dovuta al fatto che sia gli uomini che i cetacei sfruttano le risorse presenti in mare per soddisfare il proprio fabbisogno alimentare e, unita alla crescente riduzione delle risorse ittiche, può generare effetti negativi sia sull’economia della pesca che sullo stato di conservazione dei cetacei. La distribuzione prevalentemente costiera di talune specie di delfino, spinge dunque quest’ultimo ad attuare un comportamento opportunistico avvicinandosi in modo volontario agli attrezzi di pesca con lo scopo di…

Un milione a 29 giovani disoccupati per tirocini a bordo di imbarcazioni da pesca

Un milione di euro a favore di 29 giovani disoccupati under 30 per lo svolgimento di un tirocinio biennale a bordo di imbarcazioni siciliane da pesca, adibite alla pesca costiera artigianale, di proprietà di pescatori professionisti di almeno 50 anni di età. Lo prevede il Governo Musumeci che, tramite l’assessorato dell’Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea, ha pubblicato la graduatoria definitiva delle istanze ammesse a finanziamento, a valere sulla misura 1.29 del PO Feamp 2014-2020. Per l’assessore per la Pesca mediterranea, Edy Bandiera: “Con questo intervento, oltre a sostenere i giovani che incontrano difficoltà nell’accedere al mercato del lavoro, favoriamo il ricambio generazionale, il travaso delle conoscenze di un settore strategico dell’economia siciliana, sosteniamo la formazione dei nuovi addetti, contribuendo a migliorare ed innovare, dal…

Pesca, al via la valorizzazione delle feluche nello Stretto di Messina

Arriva il tanto atteso riconoscimento per gli operatori delle feluche, imbarcazioni tipiche messinesi con cui si realizza il tradizionale sistema di pesca del pescespada. L’Ars ha approvato nei giorni scorsi la legge sulla disciplina della pesca mediterranea e l’articolo 6, proposto dalla deputata regionale del M5S, Valentina Zafarana, è interamente dedicato alla tutela e alla valorizzazione delle feluche e alla promozione della pesca del pescespada dello Stretto. “Il pescespada pescato dalle feluche dello Stretto – spiega Zafarana – è una delle produzioni-simbolo della città di Messina. L’ok alla legge è un grande riconoscimento per l’intero settore. I pescatori delle feluche sono oltre 60, altamente qualificati, mentre l’indotto che si crea sulle due sponde dello Stretto è molto più ampio, se pensiamo anche ai ristoranti locali…

Tonnare, Giammanco (FI): “Lega tradisce la Sicilia”

tonnara favignana tonno

“Dopo il successo elettorale la Lega ha tradito la Sicilia penalizzando fortemente l’economia dell’Isola con un decreto sulle quote tonno attribuite alle tonnare fisse che ha portato alla chiusura la storica tonnara di Favignana che, dopo grandi sacrifici e ingenti investimenti, aveva finalmente riaperto creando nuova occupazione”. Lo scrive Gabriella Giammanco, Vice Presidente di Forza Italia al Senato e portavoce azzurra in Sicilia, annunciando la presentazione di un’interrogazione urgente al Ministro delle politiche agricole Centinaio. Al ministro Giammanco chiede “le motivazioni per le quali sono state attribuite a Favignana solo 14 tonnellate di tonno mentre la parte restante, fino alla quota massima autorizzata dall’Unione europea di oltre 357 tonnellate, è stata suddivisa tra le 4 tonnare sarde”. “Il quantitativo totale di tonno rosso pescabile nel…

Fai Cisl: “Il taglio delle quote tonno in Sicilia cancella 80 posti di lavoro”

Ottanta posti di lavoro persi e 700 mila euro di investimento privato, andati in fumo. Questi i numeri causati dal taglio delle quote tonno in Sicilia, stabilito dal sottosegretario della Lega, Franco Manzato. La decisione causerà da un lato  la chiusura della tonnara di Favignana e dall’altro darà un ulteriore vantaggio alle flotte straniere che vengono a pescare nel mare Mediterraneo. “Per una volta – affermano Adolfo Scotti, segretario generale Fai Cisl Palermo Trapani e Pierluigi Manca, segretario generale Fai Cisl Sicilia – che un’azienda come la Castiglione scommetteva sul territorio, puntando sulla manodopera locale e in un settore complesso come quello ittico, dall’alto viene calata una scure che distrugge tutto, manda a casa 80 lavoratori fra diretti e dell’indotto e vanifica tutte le risorse…

1 2 3 4 19

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.