castiglione tonno auriga

Biodiversità: allarme nel Mediterraneo, cinque specie sono in via d’estinzione

  • Foca monaca mediterranea
  • Pinna-Nobilis
  • Posidonia oceanica
  • download
  • Coralli bianchi
  • foca_monaca
  • foca_monaca

Guarda le foto in alto

La biodiversità marina nel Mare Nostrum è in pericolo. Sono cinque le specie a rischio. Il Mar Mediterraneo vanta dal 4 al 12% della biodiversità, nonostante rappresenti solo l’1% dei mari e oceani mondiali.

Sono oltre 12.000 specie marine  quelle che si concentrano in questo mare. Purtroppo sono in costante calo a causa delle attività dell’uomo, dell’introduzione di specie alloctone, dell’inquinamento crescente e dei cambiamenti climatici.

Tutto questo sta uccidendo il Mediterraneo che non è una risorsa infinita.

In una classifica, pubblicata su In a bottle, gli studiosi sostengono che sono cinque le specie più a rischio:

  1. Foca monaca mediterranea: ci sono soltanto 700 esemplari.
  2. Pinna nobilis o nacchera: grande mollusco bivalve
  3. Patella ferruginea
  4. Posidonia oceanica: pianta acquatica fondamentale per mantenere in salute l’ecosistema marino.
  5. molto importanti per la biodiversità e vivono in profondità.

 Leonardo Tunesi, Responsabile dell’Area Tutela Biodiversità, Habitat e Specie Marine Protette dell’ISPRA:

Dati incontrovertibili mostrano che la biodiversità degli oceani, a tutti i suoi livelli, è in forte diminuzione a causa degli impatti diretti e indiretti delle pressioni determinate dalle attività umane.

Le conseguenze

La perdita delle specie comporta lo scompenso dell’equilibrio naturale dell’ecosistema marino del Mediterraneo.

Il mare non serve solo per andare a fare un tuffo o una nuotata, ma ha varie funzioni nell’ecosistema, infatti Serve per regolare l’umidità e la temperatura, per rilasciare ossigeno nell’atmosfera e offrire cibo.

Proprio per questo l’uomo deve adottare comportamenti consapevoli e sostenibili, per tutelare il Mediterraneo.

© Riproduzione Riservata
banner telegram

Potrebbero interessarti anche...