Home / Porti / Cantiere navale di Palermo: Fim, Fiom e Uilm incontrano il presidente dell’Autorità portuale

Cantiere navale di Palermo: Fim, Fiom e Uilm incontrano il presidente dell’Autorità portuale

fincantieri, cantiere navale palermo

Le segreterie territoriali di Fim, Fiom e Uilm, insieme alle Rsu di Fincantieri, hanno incontrato ieri Pasqualino Monti, presidente dell’Autorità Portuale della Sicilia occidentale. A Monti i sindacati hanno espresso forte preoccupazione per il futuro del Cantiere Navale di Palermo dopo le notizie apprese sul piano di assegnazione delle aree da parte della stessa Autorità Portuale.
Il sindacato dei metalmeccanici ha chiesto di sapere se, rispetto agli anni scorsi, sia stato ridotto il perimetro delle  aree concesse a Fincantieri e ha chiesto notizie sullo stato di avanzamento dei lavori di bonifica e di consolidamento del bacino da 150 mila tonnellate. Monti ha dichiarato che le concessioni a Fincantieri sono state tutte quante confermate,  precisando che è in atto una interlocuzione con la stessa Fincantieri su una eventuale redistribuzione e un allargamento delle aree ma a condizione che l’azienda fornisca un piano industriale con una chiara missione produttiva di costruzioni di navi intere, oltre che di riparazioni e trasformazioni navali.

“Condividiamo quanto dichiarato dal presidente dell’Autorità Portuale sulla imprescindibilità da parte di Fincantieri di una chiara missione produttiva relativa alla costruzione di navi intere e non soltanto di sezioni e tronconi di navi assemblati poi nei  cantieri del Nord – dichiarano i segretari territoriali Ludovico Guercio (Fim), Angela Biondi (Fiom) e Vincenzo Comella (Uilm)Anche sul bacino da 150 mila tonnellate Monti ci ha informato di voler riprendere, immediatamente dopo la formazione del nuovo governo nazionale, l’interlocuzione per la definizione dell’opera, dopo aver già effettuato i lavori di bonifica e di consolidamento,  per una spesa di circa 32 milioni di euro. Inoltre, il presidente ci ha anche informato che a breve sarà formalizzato un bando di gara per le opere di miglioramento della rete fognaria che insiste sotto le aree del cantiere”.

Nei giorni scorsi si è svolto un incontro sui futuri carichi di lavoro, durante il quale la direzione ha comunicato alle Rsu dello stabilimento che, a proposito  dell’allungamento di due navi della Grimaldi previsto per Palermo, soltanto un troncone verrà fatta in loco. “Il direttore ha dichiarato alle Rsu – continuano i segretari di Fim, Fiom e Uilm – di non avere spazi a sufficienza per eseguire le lavorazioni del secondo troncone e ha anche informato i rappresentanti sindacali  della chiusura dell’officina tubisti e dello smantellamento del stesso reparto produttivo, con conseguente appalto a ditte esterne”.

Inoltre durante l’incontro si è discusso dell’inutilizzo del bacino 400 mila da maggio a ottobre, per mancanza di commesse. “Questo fatto porterà gravi conseguenze sull’occupazione dei lavoratori dell’indotto – proseguono Guercio, Biondi e Comella  – Continuiamo a pensare che Fincantieri non abbia smesso di strumentalizzare la questione investimenti e mancanza di infrastrutture. Il cantiere era ed è oggi nelle condizioni di costruire navi: manca la volontà. Chiederemo un incontro con i vertici dell’azienda e se non ci saranno risposte daremo seguito allo stato di agitazione proclamato dalle Rsu. Anche alla luce di questi ultimi fatti ribadiamo quindi l’esigenza di un tavolo istituzionale che metta insieme tutte le istituzioni interessate, compresa Fincantieri, affinché si faccia definitivamente chiarezza”.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.