Home / Pesca sportiva / Fipsas, 2018 ricco di successi: Ottantuno medaglie conquistate e il primo “Collare d’Oro”

Fipsas, 2018 ricco di successi: Ottantuno medaglie conquistate e il primo “Collare d’Oro”

Ottantuno medaglie conquistate e il primo “Collare d’Oro” per un’atleta Fipsas. Per la Federazione Italiana Pesca Sportiva e Attività Subacquee, il 2018 è stato un anno con molte soddisfazioni, come confermato dal presidente Ugo Matteoli in un’intervista all’Italpress: “È stato un anno in linea con i precedenti, siamo ancora  la prima o seconda federazione più medagliata del Coni”. Nel 2018, la Fipsas è salita sul podio per 81 volte, conquistando 24 ori, 24 argenti e 33 bronzi, confermando la solidità del movimento. Uno dei volti più noti della Federazione è senza dubbio l’apneista Alessia Zecchini, pluricampionessa e recordista mondiale, premiata con il “Collare d’Oro” al merito sportivo dal Coni: «È un riconoscimento importantissimo, che generalmente viene conferito ad atleti olimpici. Ricordo solo Valentino Rossi come atleta non olimpico. Credo che Alessia Zecchini se lo meriti: ha decine di titoli mondiali, sette record, è un’atleta straordinaria», ha detto Matteoli ricordando i sette record mondiali Cmas stabiliti e le 6 medaglie conquistate, fra cui 4 ori, un argento e un bronzo. Per provare a ripetere gli ottimi risultati, la Fipsas parteciperà alla quarta edizione degli Sport Fishing World Games, in programma in Sud Africa dal 9 al 17 febbraio. La Federazione parteciperà all’appuntamento con 13 squadre per i 13 mondiali: “È una trasferta che prevede più di 150 persone, fra team, delegazioni, capitani e il trasporto del materiale. Ci stiamo organizzando.  Nel mio caso, sono anche il responsabile internazionale dell’organizzazione di questi giochi, quindi non seguirò solamente le 13  squadre italiane, ma anche le 150-200 squadre provenienti da tutto il Mondo”, ha detto Matteoli, spiegando il suo doppio impegno. Infine, la Fipsas ha confermato che continuerà a lavorare anche sul fronte legislativo con progetti come “una legge quadro per la pesca in acque interne” e “leggi che contrastino il bracconaggio”.