Home / Pesca / Il Giappone tornerà a cacciare le balene a scopo commerciale. L’ira degli ambientalisti

Il Giappone tornerà a cacciare le balene a scopo commerciale. L’ira degli ambientalisti

Le baleniere giapponesi da luglio torneranno a solcare il mare e a uccidere i grandi cetacei. E stavolta lo faranno per fini dichiaratamente commerciali, per vendere la carne di balena come fonte di proteine a buon mercato, senza più la parvenza della caccia per scopi “scientifici”, come avveniva negli ultimi 26 anni. Suscitando l’ira di associazioni ambientaliste e Paesi protezionisti.

Il passo del governo di Tokyo, che era nell’aria da tempo, è stata annunciata contestualmente alla decisione di uscire dalla Commissione internazionale per la caccia alle balene (Iwc) a partire dal primo di giugno 2019, dopo anni di battaglia al suo interno perché autorizzasse ai suoi membri una caccia controllata e sostenibile: una battaglia in cui Tokyo è stata messa in minoranza (48 membri a 41) dal fronte dei Paesi ‘conservazionisti’, guidati da Australia e Nuova Zelanda e loro alleati. Per questi ultimi l’annuncio giapponese contiene una notizia cattiva e una buona: quella cattiva è la ripresa della caccia commerciale e l’uscita dall’Iwc; quella buona è l’impegno di Tokyo a limitarsi a specie relativamente abbondanti, come la balenottera minore, e solo nelle acque dell’arcipelago e nella zona di pertinenza economica esclusiva giapponese.

Le baleniere resteranno quindi fuori dall’Oceano Antartico, dove negli anni passati il mondo assisteva alle ‘battaglie navali’ fra le baleniere nipponiche e la Sea Shepherd di Greenpeace, a colpi di azioni di disturbo e di idranti, nelle gelide acque antartiche tinte di rosso dal sangue dei cetacei arpionati. Il segretario di gabinetto del governo di Shinzo Abe, Yoshihide Suga, in conferenza stampa ha spiegato che l’ultima riunione annuale dell’Iwc, in settembre, “ha reso palese che all’interno dell’organizzazione non è possibile neanche la coabitazione di Paesi con visioni differenti”. Tokyo da circa tre decenni contesta infatti quella che definisce la ‘politicizzazione’ della Commissione internazionale, fondata nel 1948 e della quale è membro dal 1952, che si sarebbe arresa a organizzazioni come il Wwf e Greenpeace. Queste, che negli anni ’70 definivano l’Iwc il “club dei macellai”, dopo un’abile campagna di lobby e di allargamento della base a Paesi senza neanche lo sbocco al mare, come la Svizzera e la Mongolia, l’avrebbero così trasformato, agli occhi di Tokyo, in un’associazione esclusivamente protezionistica, imponendo la moratoria del 1982 sulla pesca commerciale. E tradendo così il “doppio mandato” originario dell’Iwc, che, secondo il Giappone, accostava la protezione alla caccia sostenibile. Tokyo l’ha ripreso nel 1994, presentandola come necessaria alla ricerca scientifica, nel Pacifico e nell’Antartico, sei anni dopo aver aderito alla moratoria.

In Giappone, l’amore per il consumo di carne di balena risale all’immediato dopoguerra, quando le ristrettezze consigliavano alimenti a basso costo ed elevato valore proteico, a partire dalle mense scolastiche. Anche se, negli anni ’60, il consumo medio annuo in Giappone era di 200 mila tonnellate di carne, oggi era comunque calato a circa 5 mila. “E’ stata una scelta dura e difficile. Il ripristino della caccia alla balena ridarà vita alle comunità baleniere”, ha detto il ministro all’agricoltura e pesca, Takamori Yoshikawa, parlando a una rappresentanza di città e imprese dedite a pescare i cetacei. L’Australia, capofila dei protezionisti, ha condannato la decisione del Sol Levante come “estremamente negativa”, mentre la Nuova Zelanda definisce la caccia alla balena “attività obsoleta e non necessaria”. Greenpeace ha parlato di “controtendenza con il resto della comunità internazionale e con la necessità di proteggere il futuro degli oceani e di queste creature maestose”.

Per il WWF “la decisione del Giappone di ritirarsi dalla commissione baleniera internazionale (IWC) e riprendere la caccia alle balene è un fatto estremamente grave. Ignorando le prescrizioni dell’IWC e prefiggendosi di cacciare le balene, il Giappone di fatto calpesta gli accordi internazionali finalizzati alla gestione e alla conservazione delle balene nel mondo”. Lo scrive la ong in un comunicato.
“La decisione di mettere gli interessi di caccia commerciale e insostenibile al di sopra di qualsiasi sforzo di conservazione arriva in un momento in cui tutte le balene del Pianeta sono drammaticamente minacciate dalle attività umane, fra cui la pesca accidentale (o bycatch), il soffocamento causato da reti fantasma, le collisioni con le navi, il rumore, l’inquinamento, la grande quantità di plastica che invade gli oceani, oltre che dai cambiamenti climatici”. “Il WWF – conclude la nota – esorta il Giappone a rispettare gli accordi internazionali e gli sforzi di conservazione globale, continuando ad aderire alla commissione baleniera internazionale (IWC)”.

Sviluppato, Gestito ed ottimizzato da Coffice s.r.l.