Home / Pesca / “A tutto pesce”: il progetto che rilancia il “pesce povero” attraverso gli Istituti alberghieri siciliani

“A tutto pesce”: il progetto che rilancia il “pesce povero” attraverso gli Istituti alberghieri siciliani

Nell’ambito del Programma Operativo FEAMP 2014-2020 – Bando di attuazione della misura 5.68 – Misure a favore della commercializzazione art. 68 – (Regolamento UE n. 508/2014), è stato presentato questa mattina a Enna, nell’aula magna dell’Istituto Professionale Statale Federico II, il progetto “A tutto pesce” che rientra nella misura diretta a favorire la commercializzazione per i prodotti della pesca e dell’acquacoltura al fine di trovare nuovi mercati e migliorare le condizioni per l’immissione sul mercato dei prodotti alieutici e acquicoli, tra cui specie con un potenziale di mercato. Beneficiari (somma stanziata € 400.000) gli Istituti Professionali con indirizzo “Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera” della Regione Siciliana, luogo privilegiato della formazione dei futuri esperti della ristorazione e dell’accoglienza turistica che potranno acquisire competenza sulla cultura marinara siciliana e sull’utilizzazione in cucina del prodotto ittico fresco e trasformato con particolare attenzione alla pesca artigianale, al pesce poco conosciuto e al cosiddetto pesce povero e al pesce da acquacoltura che allo stato attuale pur avendo migliorato gli standard di qualità e sicurezza alimentare non risulta adeguatamente conosciuto e apprezzato dai consumatori ma con potenzialità di mercato.

Le principali specie ittiche oggetto dell’intervento sono riferibili a quelle allevate in Sicilia e, nel caso della pesca, al pesce azzurro ovvero ai cosiddetti pesci dimenticati o poco conosciuti, pesci di elevato valore nutrizionale e gustativo ma attualmente di scarso valore commerciale.

Nel corso della presentazione del progetto sono intervenuti, fra gli altri: Giuseppina Gugliotta dirigente scolastico dell’Istituto Professionale Statale Federico II, Giuseppe Dimino dirigente servizio 3 del Dipartimento della Pesca, Salvatore Morinello dirigente responsabile dell’ufficio territoriale di Licata – Dipartimento della Pesca Mediterranea, Franco De Luca dirigente veterinario presso l’Asp di Enna, Sandra Greca esperta in alimentazione e Antonio Algozino titolare dell’omonima Azienda agroittica.

Questa la graduatoria definitiva delle domande con i relativi importi ammessi:

I.I.S.  “F. Ferrara” Mazara del Vallo (Tp) € 12.517,31

I.P.S.S.A.R. “Paolo Borsellino” Palermo € 13.054,70

I.I.S.  “Salvatore Pugliatti” Taormina (Me) € 11.562,40

I.I.S.  “C. Amato Vetrano” Sciacca (Ag) € 14.549,81

I.I.S. di Lercara Friddi (Pa) € 10.018,73

I.P.S.S.E.O.A. “G. Falcone” Giarre (Ct) € 10.364,81

I.P.S.S.E.0.A. “Mandralisca” Cefalù (Pa) € 12.307,94

I.I.S.  “Antonello” Messina (Me) € 14.578,20

I.P.S.S.A.R. “Paolo Francesco Cascino” Palermo € 9.492,72

I.I.S. “Renato Guttuso” Milazzo (Me) € 14.222,50

I.S.I.S.S. “A. Damiani” Marsala (Tp) € 13.000,00

I.P.S.S.E.0.A. “Karol Wojtyla” Catania (Ct) € 11.318,50

Ist. Prof. di Stato “Principi di Grimaldi” Modica (Rg) € 12.334,63

Ist. Istr. Superiore “G. Marconi” Vittoria (Rg) € 13.224,00

I.P.S.S.E.0.A. “Pietro Piazza” Palermo € 11.554,20

I.P.S.S.E.0.A. “Ignazio e Vincenzo Florio” Erice Casa Santa (Tp) € 8.167,50

I.P.S.LA. “Federico Il” Enna € 7.245,00