Vela, al via la Palermo-Montecarlo con il club Canottieri Roggero di Lauria

Dopo quattro anni di assenza il Club Canottieri Roggero di Lauria torna alla Palermo-Montecarlo. La regata di altura internazionale, giunta alla 15^ edizione, classica del calendario agonistico nazionale, vedrà la partecipazione di un equipaggio composto da 11 elementi e coordinato da terra dallo skipper Gabriele “Ganga” Bruni, a bordo dell’ICE 52 Primavista-Lauria, un’imbarcazione che vanta una tecnologia elevata.

La partenza è in programma il 21 agosto, alle ore 12, presso le acque del golfo di Mondello. In palio gli ambiti trofei challenge “Angelo Randazzo”, vinto già quattro volte dal club cannottieri Lauria, il quale spetta al vincitore in tempo compensato del raggruppamento più numeroso tra i due previsti dal Bando di Regata (ORC International e IRC) e il “Giuseppe Tasca d’Almerita”, che verrà assegnato al primo scafo sul traguardo in tempo reale.

Sono già 53 le barche iscritte alla prossima edizione della Palermo-Montecarlo, la regata offshore, con organizzazione del Circolo della Vela Sicilia, Challenger of Record della prossima America’s Cup al fianco del Team Luna Rossa Prada Pirelli, in collaborazione con lo Yacht Club de Monaco e lo Yacht Club Costa Smeralda. L’anno scorso le barche sulla linea del via furono 54, numero destinato ad esser superato in questa edizione che promette grande spettacolo, vista soprattutto la qualità delle barche iscritte, in costante crescendo alla Palermo-Montecarlo.

Tra i Maxi, spicca la presenza di Rambler 88, il Maxi dell’armatore americano George David vincitore l’anno scorso dei line honours, dell’82’ Vera, di SHK Scallywag di David Witt, un monoscafo di 100′ (oltre 30 metri) proveniente da Hong Kong, del Reichel&Pugh di 72 piedi Aragon e del Volvo 72’ Green Dragon. Tra i piccoli, ma non meno agguerriti, tanti nomi noti dell’altura tricolore come Duffy di Enrico Calvi, Globulo Rosso di Alessandro Burzi, Crossing Routes Vaquita di Alessio Bernabò, Quattrogatti di Andrea Casini e Mùzyka2 di Simone Taiuti.

Fondamentale tappa del Campionato Italiano Offshore della Federazione Italiana Vela e del Mediterranean Maxi Offshore Challenge dell’International Maxi Association, la Palermo-Montecarlo, può contare sul supporto della Fondazione Sicilia e del partner Tasca d’Almerita.

La flotta, dopo essersi lasciata alle spalle il Golfo di Mondello, dovrà navigare per oltre 500 miglia fino all’arrivo fissato al largo del Principato di Monaco (passando per un “gate” posto di fronte a Porto Cervo), in regata per la conquista dei due i trofei challenge in palio, oltre ai premi di classe.

 

banner telegram

Potrebbero interessarti anche...